Sindacato

Concorsi interni per Vice Ispettore – Segnalazione problematiche riscontrate

Concorsi interni per Vice Ispettore della Polizia di Stato, segnalazione problematiche riscontrate – Lettera al Prefetto Armando Forgione

Con decreti datati 4 aprile 2024, sono stati indetti due concorsi interni; il primo per soli titoli, per la copertura di n. 959 posti per Vice Ispettore del ruolo degli Ispettori della Polizia di Stato cui può partecipare il personale appartenente al ruolo dei Sovrintendenti in servizio alla data di scadenza del termine utile per la presentazione della domanda di partecipazione al concorso, il secondo, per titoli ed esame, per la copertura di n. 411 posti per Vice Ispettore del ruolo degli Ispettori della Polizia di Stato, cui può partecipare il personale della Polizia di Stato che espleta funzioni di polizia, secondo le modalità stabilite dall’articolo 27, comma 1, lettera b), del decreto del Presidente della Repubblica 24 aprile 1982, n. 335.

Nei menzionati bandi di concorso sono stati previsti, nelle categorie dei titoli ammessi a valutazione, i corsi professionali e di specializzazione, superati con esame o valutazione finale, organizzati dall’Amministrazione della Pubblica Sicurezza, ai sensi del decreto del Capo della Polizia – Direttore Generale della Pubblica Sicurezza datato 08 marzo 2022 che danno diritto ad un massimo di due punti.

Il predetto decreto recante “disciplina dei corsi di specializzazione, perfezionamento, abilitazione, qualificazione e aggiornamento per il personale della polizia di stato” all’art. 1 c.1 “ambito di applicazione” recita: “il presente decreto disciplina le modalità di svolgimento, il Piano della formazione e la durata del percorso formativo dei corsi di specializzazione, perfezionamento, abilitazione, qualificazione e aggiornamento (di seguito: corsi di secondo livello) cui avviare il personale della Polizia di Stato che espleta funzioni di polizia, anche previo superamento di specifiche selezioni mediche e psico-attitudinali, ad eccezione dei corsi relativi al Settore Aereo che rimangono disciplinati dal decreto del Capo della polizia-Direttore generale della pubblica sicurezza datato 13 marzo 2007, come modificato in data 18 maggio 2012”.

I corsi di formazione frequentati dal personale aeronavigante dei reparti volo, sono stati, quindi, rinviati, all’interno del decreto datato 08 marzo 2022, al decreto del Capo della Polizia datato 13 marzo 2007, come modificato in data 18 maggio 2012 e non possono, pertanto, non essere presi in considerazione nei concorsi interni di cui sopra, come invece, sembra, sia stato erroneamente fatto.

A ciò si aggiunga la grave situazione che si rileva nella stragrande maggioranza degli Uffici che finora non hanno terminato il processo di registrazione dei rapporti informativi relativi all’anno 2023 poiché non notificati ai dipendenti; è di tutta evidenza che questa situazione comporterà inevitabili errori procedurali ai danni dei partecipanti ai concorsi in relazione al voto del rapporto informativo da inserire per l’attribuzione del punteggio. Le mancanze segnalate, qualora non adeguatamente corrette, comporteranno inevitabilmente l’apertura di contenziosi che ci auguriamo si possano evitare.

La lettera:

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio