Sindacato

Consiglio Generale UIL Polizia – Documento Finale e Report Fotografico

Consiglio Generale UIL Polizia – Documento Finale e Report

 

Di seguito pubblichiamo il documento finale approvato all’unanimità ed il report fotografico del Consiglio Generale UIL Polizia che si è svolto il 19 Settembre 2018 presso lo Smart Hotel sito in Roma, P.zza Indipendenza 13/B.

[Best_Wordpress_Gallery id=”9″ gal_title=”Consiglio Generale UIL Polizia Settembre 2018″]

Il Consiglio Generale Uil Polizia Riunitosi in Roma in data 19 Settembre 2018 presso lo Smart Hotel sito in P.zza Indipendenza 13/B

CONDIVIDE

La relazione introduttiva del Segretario Generale Oronzo Cosi.

SI RICHIAMA

Ai valori ed agli obbiettivi strategici posti a fondamento della costituzione della Uil Polizia. La creazione di un soggetto sindacale in grado di interpretare e dare corpo ai valori riformisti e confederali in una ideale continuità con il movimento sindacale che promosse e realizzò l’attuale modello di civile di sicurezza e la riforma della Polizia di Stato. Un sindacato in grado di realizzare una sinergia politica con il mondo del lavoro nel pieno rispetto della specificità, delle prerogative e della identità dei lavoratori della Polizia di Sato.

RITIENE IMPRESCINDIBILE

L’esigenza di razionalizzare la rappresentanza sindacale per conferire maggiore credibilità, incisività, visibilità, autorevolezza ed efficacia all’azione sindacale ed alla tutela degli interessi della categoria.

STIGMATIZZA

Il tentativo di sabotare il percorso democratico, promosso anche dal II Congresso Uil Polizia, di creare in maniera condivisa e plurale insieme alle sigle sindacali di ispirazione riformista che costituiscono la Federazione Uil Polizia, un soggetto unitario in grado di interpretare le sensibilità riformiste e confederali.

CONTESTA IN PARTICOLARE

Le modalità autocratiche con le quali senza alcuna condivisione con gli organismi statutari, alcuni ex dirigenti sindacali della Uil Polizia, hanno creato altra associazione sindacale, siglato un patto federativo con un sindacato autonomo e distante dalla sensibilità confederale e dai valori riformisti della Uil Polizia.

ESPRIME SCONCERTO

Per aver appreso come autorevoli esponenti della Confederazione Uil abbiano sostenuto tale iniziativa e soprattutto per la natura di materiale subordinazione organizzativa del nuovo soggetto denominato U.I.L Sicurezza abbia realizzato sotto il profilo statutario con la Confederazione in palese violazione alle previsioni normative di cui agli art.li 82 e 83 della L. 121/81, alla storia dei rapporti tra i sindacati di polizia e le Confederazioni da sempre ispirata ad autonomia e rispetto del ruolo e delle specificità della nostra categoria che opera nel delicato settore della sicurezza dei cittadini.

CONTESTA

Fortemente le modalità di proselitismo del nuovo soggetto ispirate al verticismo, all’autoreferenzialità e soprattutto ad una grave opacità nella prospettazione di ampia disponibilità di risorse organizzative e soprattutto di ingenti disponibilità economiche, come ci viene confermato da molti nostri quadri, avvicinati nelle ultime settimane, che si annunciano di conferire a chi abbandoni la Uil Polizia. Alla riduzione a mere logiche di convenienza personale e di benefici economici l’iniziativa sindacale, la Uil Polizia oppone i valori di solidarietà, partecipazione, di tutela dei diritti dei lavoratori, la dignità e la nobiltà dell’impegno sindacale.

PLAUDE

Ai molti nostri quadri che dopo una iniziale valutazione politica di sostanziale attenzione nei confronti della creazione di questo nuovo soggetto, hanno immediatamente compreso la reale inconsistenza del progetto U.I.L. Sicurezza e la siderale distanza delle modalità di costituzione dello stesso dai valori di democrazia, pluralismo, trasparenza, correttezza che hanno da sempre contraddistinto il nostro modo di stare insieme. Letto il documento stilato da molti quadri sindacali siciliani, ne condivide il contenuto, esprime apprezzamento per le valutazioni svolte, e si compiace di avere nuovamente accanto a noi questi quadri storici della Uil Polizia dalla indiscussa integrità morale e capacità politica.

DA MANDATO

Alla Segreteria Nazionale di rendersi interprete dei sentimenti di preoccupazione e di sconcerto rispetto alle posizioni assunte da alcuni dirigenti della Uil Confederale che hanno sostenuto la nascita della U.I.L. SICUREZZA, anche dando corso a manifestazioni pubbliche ed iniziative mediatiche.

SI AUSPICA

Sempre maggiore incisività dell’azione politico-sindacali della nostra Organizzazione ed al suo ruolo strategico nei rapporti con le altre organizzazioni sindacali della nostra categoria. A tal fine da mandato al Segretario Generale, anche nella sua veste di Segretario Generale della Federazione Uil Polizia,  di assumere tutte le iniziative ritenute idonee alla valorizzazione ed alla razionalizzazione della rappresentanza sindacale, salvaguardando il patrimonio politico delle realtà territoriali della nostra O.S. ed alla sinergia anche con altre organizzazioni sindacali della Polizia di Stato, che condividano i nostri valori, la prassi democratica e pluralista, i nostri obbiettivi strategici di natura confederale e di sinergia politica con il mondo del lavoro, nel rispetto della normativa vigente e dell’autonomia organizzativa dei Sindacati della Polizia di Stato.

APPROVATO ALL’UNANIMITA

Consiglio Generale UIL Polizia_20

 

PDF: consiglio generale 19 settembre 2018

Documento inviato al Consiglio Generale da alcuni Dirigenti Sindacali UIL Polizia siciliani

Gruppo Sicilia

“Gentile Segretario Generale UIL Polizia, amici del Consiglio Generale, con la presente vorremmo chiarire la posizione del nostro gruppo e del percorso che purtroppo avevamo intrapreso.

Avevamo creduto in un nobile e grande progetto di unificazione di un unico soggetto confederale UIL, e per questo abbiamo portato avanti, assumendoci le nostre responsabilità, il peso della nostra scelta.

Una scelta comunque sofferta, per l’affetto nei confronti della Uil Polizia a cui tutti noi avevamo nel tempo contribuito

Ma andiamo all’antefatto:

Dopo aver stilato e firmato l’atto costitutivo della UIL Sicurezza, ci siamo impegnati sul territorio al fine di rendere reale vivo e importante il progetto da noi condiviso.

Durante l’atto costitutivo si era stabilito di porre in essere un accordo tecnico con il COISP, soggetto lontanissimo per storia e per cultura, sino al mese di dicembre 2018; dopo pochi giorni ,era stato stilato un accordo con quel soggetto autonomo per la durata di anni tre, il tutto senza contemplare il parere di alcun componente dell’atto costitutivo.

A due mesi dalla costituzione della Uil Sicurezza, assistiamo increduli alle continue offese e denigrazioni su chi democraticamente esprimeva opinioni non allineate, una continua e pressante volontà di voler schiacciare il Signor Oronzo Cosi, un’assenza totale di basi elementari del sindacalismo.

Gli scissionisti MP sono stati latitanti durante l’atto costitutivo, ma sono riapparsi miracolosamente con la cassa, cosa ancor più strana e inconcepibile, un segretario amministrativo esterno non iscritto alla UIL Sicurezza, predicatore di atti di vertici e manovre legali per scippare l’MP al legittimo segretario eletto.

Il nostro gruppo, non ha mai abbandonato il progetto unitario della grande UIL, ma adesso cari amici dobbiamo constatare di aver errato nelle valutazioni, non del progetto ma di chi doveva metterlo in atto.

Abbiamo sempre preteso autonomia e democrazia all’interno della UIL Polizia, lo abbiamo preteso anche in quel soggetto, ma evidentemente esprimere i propri concetti ha creato delle difficoltà a chi ha dimostrato di voler gestire in maniera dittatoriale e becera l’organizzazione.

Siamo stati scomodi ma di questo ne andiamo fieri, non permetteremo mai  a nessuno di minare l’autonomia e la democrazia all’interno della nostra organizzazione sindacale.

Adesso ringraziamo il Segretario Oronzo Cosi e ringraziamo pure voi amici del Consiglio Generale se vorrete ancora il nostro gruppo al vostro fianco per la difesa dei diritti dei poliziotti. “

W la UIL Polizia!

Calogero MALLIA

Salvatore BALDUCCIO  – Trapani

Salvatore GIUNTA – Enna  

Claudio ANZALONE  – Catania

 

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio