Amministrazione,

Iniziative bilaterali di cooperazione di Polizia – Pattugliamento congiunto con le Forze di Polizia Estere – Richiesta personale

Condividi su:

Iniziative bilaterali di cooperazione di Polizia – Pattugliamento congiunto con le Forze di Polizia Estere – Richiesta personale

 

Il Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia ha rappresentato la positiva esperienza maturata nel corso degli anni nell’ambito delle attività di pattugliamento congiunto tra le forze di Polizia italiane e quelle di alcuni paesi esteri disposte nei periodi di maggior affluenza turistica.

Le unità di Polizia italiana hanno, infatti, collaborato con successo con gli operatori stranieri al fine di rafforzare il controllo del territorio, tutelare la sicurezza pubblica, prevenire i reati nonché agevolare i connazionali all’estero nei contatti con le autorità locali.

Al riguardo, si rende necessario per il prossimo periodo estivo individuare idoneo personale dei ruoli degli ispettori (ad esclusione di quello con qualifica di ispettore superiore e sostituto commissario), sovrintendenti, assistenti ed agenti in possesso di una conoscenza della lingua straniera che gli consenta di comunicare con i colleghi esteri ed espletare attività’ di supporto durante i servizi di controllo del territorio, in modo da poter essere valutato per l’eventuale impiego nelle località e nei periodi di cui all’allegato elenco.

Il personale dipendente, qualora interessato, dovrà produrre idonea istanza da trasmettere, via e-mail, per i rispettivi ruoli, ai seguenti indirizzi di posta elettronica entro e non oltre il 23 maggio p.v.:

  • SERVIZIO DIRIGENTI, DIRETTIVI ED ISPETTORI 2 DIVISIONE:
    sddi-2@interno.it
  • SERVIZIO SOVRINTENTI ASSISTENTI ED AGENTI:
    dipps.ssaa.ass.spec.rm@interno.it

Successivamente, le domande pervenute, corredate del parere del Dirigente dell’Ufficio di appartenenza, saranno inoltrate alla competente Direzione Centrale della Polizia Criminale per le valutazioni del caso.

Si rappresenta l’urgenza attesa la necessità di avviare quanto prima le procedure amministrative per l’eventuale invio in missione all’estero del personale selezionato.

 

Condividi su: