News dalle Province,

Milano: movimenti vice commissari RDE – Mistero sui criteri adottati

Condividi su:

Milano: movimenti vice commissari RDE – Mistero sui criteri adottati

 

I neo Vice Commissari RDE in servizio presso la Questura di Milano, al termine del periodo applicativo che finirà il prossimo 26 marzo, saranno oggetto di una movimentazione all’interno degli uffici della stessa Questura.

Di fatto una iniziativa di grande rilievo e di importanti ripercussioni sui poliziotti milanesi in quanto questi colleghi sono stati e saranno destinatari di grandi responsabilità operative e gestionali che riguarderanno loro stessi ma anche moltissimi colleghi.

Ci saremmo aspettati un qualche coinvolgimento delle Organizzazioni Sindacali almeno sulla declinazione dei criteri con i quali ci si è applicati a questi movimenti. Gli indirizzi generali su questo tema, pressocchè in tutte le Questure, sono stati quelli di imparzialità, salvaguardia delle professionalità di questi funzionari delle quali possano continuare a beneficiare i vari uffici, razionalità e rispetto delle aspirazioni, elemento che sotto il profilo motivazionale, e quindi funzionale, è essenziale.

La discrezionalità demandata dell’amministrazione nella mobilità interna deve essere un mezzo per realizzare la migliore funzionalità dell’amministrazione secondo criteri di imparzialità che non ci pare siano stati adottati a Milano in questi movimenti nei quali alcuni hanno visto realizzate le loro aspirazioni mentre altri per nulla affatto.

Esiste dunque un vero e proprio mistero su quali criteri si siano adottati per i movimenti di questi colleghi presso la Questura Milanese, visto che non vi è stato alcun coinvolgimento dei sindacati, né degli interessati, molti dei quali sono stati infatti trasferiti non tenendo conto affatto delle loro aspirazioni e delle loro esigenze anche personali, familiari e di mobilità urbana.

Non si è tenuto conto delle esperienze acquisite in specifici settori, della conoscenza dei territori e delle professionalità sviluppate. Ci aspettiamo almeno una informazione successiva come prevede l’art. 25 lett. D del D.P.R. 164/2002 per comprendere un provvedimento al momento incomprensibile.

In caso contrario non ci resterà che chiedere a Roberto Giacobbo di analizzare l’argomento e di realizzare un’apposita puntata di Voyager…

 

Milano 23 marzo 2018

LA SEGRETERIA PROVINCIALE

 

Il comunicato: Movimenti Vice Comm. Milano – Comunicato

 

 

Condividi su: