Sindacato

No alla bozza di convenzione tra il Ministero dell’Interno e il Gruppo Ferrovie dello Stato S.p.A.

ferrovoe dello stato polizia convenzione

No alla bozza di convenzione tra il Ministero dell’Interno e il Gruppo Ferrovie dello Stato S.p.A.

 

Nel tardo pomeriggio di ieri 5 giugno 2017, le scriventi OO.SS. hanno incontrato il Direttore Centrale delle Specialità della Polizia di Stato, Prefetto Roberto Sgalla, accompagnato per l’occasione dal Direttore  del  Servizio  Polizia  Ferroviaria,  Dott.  Armando  Nanei,  con  la  partecipazione  del  Direttore dell’Ufficio  Relazioni Sindacali Dott.  Tommaso Ricciardi,  per  discutere i  contenuti  della  bozza  di convenzione tra il Ministero dell’Interno ed il Gruppo Ferrovie dello Stato S.p.A..

Nel  corso  della  riunione corrispondere l’indennità di vigila è  emerso  che  l’Amministrazione  non  è  assolutamente  intenzionata  a za scalo maggiorata alle squadre di  P.G. ed ai colleghi impegnati nei servizi  di  vigilanza  interna,  con gravi  danni  economici  nei  confronti  di  chi volge  una  funzione  di fondamentale importanza per la sicurezza dei cittadini che viaggiano in ambito ferroviario.

Detta  determinazione  è  stata  evidenziata  a  più  riprese  e  giustificata  d ll’Amministrazione  con l’esigenza di conferire massima visibilità alla presenza della Polizia di Stato all’interno degli scali ferroviari.

Sul punto il Prefetto Sgalla ha affermato senza mezzi termini che se i colleghi delle Squadre di P.G. vogliono continuare a  percepire l’indennità di scalo maggiorata, dovranno avvicendarsi nei servizi d’istituto in uniforme applicando il principio dell’intercambiabilità nello svolgimento di tali servizi, facendo ruotare il personale.

Appare  evidente,  a  questo punto,  che  l’Amministrazione  non  è  particolarmente  interessata  alle attività investigative e di repressione dei reati, in genere, in ambito ferroviario

Le  scriventi  OO.SS.  hanno  contestato  la  bozza  di  circolare  di  cui  trattasi,  in  quanto  bisogna considerare che per le scorte a lung di scorta,  vengono indennizzati con percorrenza, con la convenzione attualmente  in vigore, i predetti servizi un importo pari a euro 150 procapite senza spese di vitto e alloggio che sono a carico dell’Ente ferroviario; i contenuti della nuova convenzione prevedono un compenso pari a 190 euro onnicomprensive con vitto e alloggio a carico dei dipendenti, con un evidente danno economico per gli operatori di polizia impiegati in tali servizi, senza contare il grave disagio di reperire alberghi e punti di ristoro. Il tutto a carico dei colleghi che devono anticipare le somme.

Le scriventi OO.SS. non condividono assolutamente   l’impostazione della   nuova   bozza   di convenzione, che anche se porta dei miglioramenti economici apparenti, elevando la somma attuale da euro 150 a euro 190, il nuovo importo danneggia i poliziotti impiegati in tali servizi, poiché nella nuova bozza di circolare, non sono inclusi il vitto e l’alloggio che attualmente sono a carico del Gruppo Ferrovie S.p.A. e che invece in futuro sarebbero a carico dei dipendenti.

I firmatari del presente do umento, ribadiscono con forza la necessità di continuare a remunerare l’indennità di vigilanza scalo maggiorata al personale impiegato nelle squadre di P.G. e amministrative nonché agli altri dipendenti, nessuno escluso, degli Uffici Polfer, in quanto ritengono che gli stessi svolgono un servizio di istituto di fondamentale importanza per la prevenzione e repressione dei reati in ambito ferroviario e in special modo in un periodo dove riaffiora sempre più la minaccia terroristica che rende insicure le stazioni ed i luoghi di transito frequentati da milioni di cittadini italiani e stranieri che utilizzano le nostre tratte ferroviarie.
CAlla luce di quanto sopra, le scriventi OO.SS. respingono al mittente la suddetta nuova bozza di convenzione, in quanto mortifica la dignità dei poliziotti, danneggiandoli economicamente e moralmente, creando di fatto delle inaccettabili ed incomprensibili sperequazioni nell’ambito dei compartimenti Polfer.

In  ultimo,  si  rammenta che,  l’Amministrazione  prima  di  sottoscrivere la  convenzione,  deve concordare con il sindacato l’importo delle somme da erogare al personale impiegato nei servizi oggetto della convenzione (art. 11 D.P.R. 164/2002).

 

Roma, 6 giugno 2017

Il comunicato: No alla bozza di convenzione

To Top