Sindacato,

Secondo correttivo al Riordino – Esito della Riunione al Dipartimento

Condividi su:

Secondo correttivo al Riordino – Esito della Riunione al Dipartimento

Si è svolto al Dipartimento, alla presenza del Capo della Polizia Franco Gabrielli e del Vice Capo Alessandra Guidi, il nuovo incontro relativo ai correttivi del Riordino. L’Amministrazione, in particolare, ha illustrato gli aspetti concernenti il secondo correttivo proiettando slide che illustrano le modifiche per i diversi ruoli e qualifiche oggetto del c.d. provvedimento “secondo correttivo al riordino“.

In apertura il Capo della Polizia, a fronte delle pressioni di parte sindacale, ha prospettato la possibilità di impiegare ulteriori risorse, attualmente nella disponibilità dell’Amministrazione, al fine di individuare, insieme alle OO.SS., ulteriori interventi per correggere gli elementi di criticità più volte denunciati dalla nostra organizzazione attraverso un confronto con le rappresentanze dei lavoratori.

La Federazione Silp Cgil – Uil Polizia, nel prendere positivamente atto della notizia secondo la quale, a seguito del possibile reperimento di ulteriori risorse, sarà possibile procedere ad un secondo confronto con le OO.SS. finalizzato a sanare le criticità ancora in atto, ha segnalato e ribadito al Capo della Polizia l’esigenza, tra i vari punti, di:

  • semplificare il passaggio al ruolo dei Sovrintendenti;
  • dare risposte esaustive per la retrodatazione dei corsi da V. Ispettore;
  • attuare finalmente il ruolo unico esecutivo Agenti Assistenti Sovrintendenti;
  • sanare le aspettative dei colleghi del 7°, 8° e 8° bis Ispettori;
  • prevedere il totale scorrimento della graduatoria per il concorso da 501 Vice Ispettori;
  • ristorare adeguatamente per gli anni di permanenza nella qualifica per gli Ispettori Capo transitati in quella da Ispettori Superiori e dare il giusto assetto agli Ispettori Superiori transitati nella qualifica di Sostituto Commissario;
  • superare pienamente le penalizzazioni dei Commissari ruolo ad esaurimento attraverso l’attribuzione di Comm. C. a fine corso;
  • diminuire realmente e fattivamente i tempi di permanenza in tutte le qualifiche;
  • ricostruire la carriera per tutti i Vice Sovrintendenti promossi per merito straordinario scavalcati dai loro pari corso promossi a seguito dei concorsi per titoli a cui non è stata data loro la possibilità di partecipare;
  • dare soluzioni alle problematiche legate all’equiparazione della progressione di carriera dei ruoli tecnici con ruoli ordinari.

Tra i molti temi di interesse e che necessitano risposte urgenti abbiamo ricordato la problematica dei ragazzi idonei con riserva e la mancata attuazione dell’area negoziale per i dirigenti. Abbiamo trovato disponibilità all’ascolto, pretendiamo adesso concretezza.

Roma, 3 ottobre 2019

Federazione Silp Cgil – Uil Polizia

Il comunicato:

Condividi su: